Le 10 cose di plastica che la commissione europea ha finalmente bandito

.

stoviglie-riciclabili

 

Finalmente è arrivata la notizia tanto sperata e che renderà anche i nostri mari un po’ più puliti.

 

Lunedì 28 maggio, la commissione europea ha varato una direttiva che metterà al bando la produzione di un sacco di prodotti di plastica monouso.

 

Dopo aver recentemente introdotto l’obbligo dell’utilizzo di sacchetti biodegradabili, nella prospettiva di un progetto di economia circolare che prevede il riciclo o il riutilizzo di questi materiali, con questa norma ci si è posti l’obiettivo di ridurre drasticamente l’inquinamento marino che sta dilagando ormai non solo a livello europeo, bensì mondiale.

 

I soli prodotti che verranno vietati, rappresentano il 70% dei rifiuti abbandonati in mare e grazie alla nuova direttiva, si eviterà:

 

  • L’emissione di 3,4 tonnellate di anidride carbonica
  • Danni ambientali per miliardi di euro

 

Quali saranno i prodotti non più permessi?

 

Saranno una decina i prodotti banditi e dovranno essere sostituiti da corrispettivi fabbricati solo con materiali sostenibili.

 

  1. Posate
  2. Piatti
  3. Cannucce
  4. Mescolatori per bevande
  5. Aste per palloncini
  6. Cotton fioc
  7. Contenitori per bevande monouso (ammessi con limitazione)
  8. Sacchetti di plastica molto leggeri
  9. Prodotti in plastica oxo-degradabile
  10. Contenitori per fast food fatti di polistirolo espanso

 

E se questi prodotti dovranno essere totalmente sostituiti, ad altri verranno imposte delle limitazioni considerevoli: i contenitori per bevande monouso dovranno avere tappo o coperchio che resta agganciato al contenitore per evitarne la dispersione accidentale o molto spesso voluta, nell’ambiente.

 

Inoltre, i produttori dovranno in parte sostenere i costi di gestione e bonifica dei rifiuti e creare una campagna di sensibilizzazione per i consumatori rivolta alla riduzione dell’utilizzo di contenitori per alimenti e tazze per bevande in plastica, mettendo a disposizione prodotti alternativi.

 

Inoltre, l’etichetta associata dovrà fornire esaustive informazioni riguardo a smaltimento, impatto ambientale e quantitativo di plastica presente.

 

 

stoviglie-ecologiche

 

 

A cosa lasceranno il posto?

 

E’ possibile ipotizzare l’uso di legno proveniente da foreste gestite responsabilmente?

 

E oltre al legno come possibile sostituto ad esempio per i bastoncini dei cotton fioc, per i contenitori di liquidi che soluzioni possibili adottare?

 

Una possibilità si chiama BIOPLASTICA.

 

Secondo la definizione conferita dall’European Bioplastics, è un tipo di plastica derivata da materie prime rinnovabili come amido di mais, grano, latte o tapioca.

 

È biodegradabile poiché prodotta da materie prime di origine vegetale e avente tempo di decomposizione nettamente inferiore rispetto alla plastica a base olefinica.

 

La normativa europea dà una svolta incoraggiante verso la salvaguardia dell’ambiente mondiale e costruisce un percorso di sensibilizzazione rivolto a tutti i cittadini.

 

“Se ognuno di noi si impegnasse

già nel suo quotidiano a utilizzare i prodotti ecologici già in commercio

e facesse una gestione corretta della raccolta differenziata,

l’intero sistema ne gioverebbe fin da subito.”

 

 

Nel momento in cui si presenta l’occasione di un evento come ad esempio il MATRIMONIO BIOLOGICO, la normativa europea viene sicuramente in aiuto.

 

Non dovrai più fare un’estenuante ricerca di chi ti possa fornire prodotti a basso impatto ambientale perché solo quelli saranno permessi.

 

Direi un’ottima notizia!

 

L’uso di stoviglie riciclabili, seppur ecologiche e carine da vedere, non è propriamente indicato per un evento così se non magari per la zona buffet.

 

Potresti invece utilizzare stoviglie di legno appositamente trattate con sostanze naturali per renderle lavabili, oppure adottare gli intramontabili piatti di ceramica.

 

Starai pensando: ma la ceramica non è poi così ecologica!

 

In parte hai ragione, ma per conoscere il perché puoi preferirla per il tuo ricevimento rispetto ad altre soluzioni ecologiche, GUARDA QUESTI VIDEO GRATUITI (clicca sul testo) che ho appositamente creato per te.

 

 

 SCOPRIRAI QUALI SOLUZIONI ADOTTARE

PER ORGANIZZARE IL TUO MATRIMONIO BIOLOGICO.

 

Con questo traguardo introdotto dalla direttiva della commissione europea, la realizzazione del tuo matrimonio biologico si rende sempre più concreta e al contempo stesso la Madre Terra che ci ospita, viene tutelata.

 

Non lasciarti influenzare da chi ti dice che vuoi solo complicarti la vita o non ha nemmeno alba di cosa voglia dire creare un evento biologico.

 

Tu conosci bene il valore di questa tua scelta e il fatto di poterla condividere anche in un giorno così importante come quello del tuo matrimonio, non ha prezzo.

 

Quali altre soluzioni pensi potrebbero essere adottate per creare il tuo evento biologico?

 

GUARDA I VIDEO GRATUITI e lasciami pure un tuo commento qui sotto. Ti risponderò con piacere!

 

Foto: partycity.com e verterra.com 

 

logo WeddingBio

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

“IL MATRIMONIO BIO”

La prima guida dedicata agli sposi per imparare a progettare il proprio matrimonio Total Bio

Matrimonio Bio

ECCO COSA IMPARERAI APPENA INIZIERAI A LEGGERE “IL MATRIMONIO BIO”:
- Come destreggiarti nel mercato per trovare ciò che desideri.
- Come evitare le fregature.
- A usare il metodo da me creato, per raggiungere l’obiettivo finale in serenità e senza perderti pezzi per strada.

SCARICA GRATIS
IL PRIMO CAPITOLO DEL LIBRO

Commenti recenti

    WeddingBio

    via Trieste 58, 33082 Azzano Decimo (PN) - P.IVA: 01806890933 - C.F.: 01806890933